Il Natale di Ungaretti [Giorno 13]

Nella tredicesima casella del calendario dell'Avvento, abbandoniamo Babbo Natale per trovare una poesia che ci fa riflettere.
È il 1916, Ungaretti si trova in licenza a Napoli, è Natale, ma il poeta non riesce a trovare la voglia di festeggiare, non dopo l'esperienza al fronte...


Natale



Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade

Ho tanta
stanchezza
sulle spalle

Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata

Qui
non si sente
altro
che il caldo buono

Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare
Giuseppe Ungaretti

0 commenti:

Posta un commento

Verranno pubblicati solo i commenti firmati. I commenti anonimi verranno cestinati. Grazie per la collaborazione.