Concorso letterario Narrare la Parità 2015

Salve Scribacchini, ecco il bando di un concorso letterario che non potete assolutamente perdere! Inforcate la penne e... iniziate a scrivere, avete tempo fino al 10 aprile 2015.


BANDO DI CONCORSO:

Art.1 Finalità e Linee guida

Un Premio per l’Europa. NARRARE LA PARITA’ nasce come progetto ideato dall’Associazione Woman to be, approvato e finanziato con contributo da parte della REGIONE TOSCANA (Legge regionale n.16/ 2009 Cittadinanza di genere).
Si tratta di un premio letterario che ha l'obiettivo di fornire ai piccoli lettori/alle piccole lettrici un immaginario alternativo a quello tradizionalmente veicolato dalla letteratura per l'infanzia, denso di stereotipi sessisti. La sfida che si propone ai/alle partecipanti al concorso è quella di creare delle storie che offrano modelli femminili e maschili alternativi e nuove relazioni di genere, improntate all'interscambiabilità dei ruoli e delle caratteristiche psicologiche e comportamentali dell'uno e dell'altro sesso.
I principi ispiratori del premio sono estrapolabili dal Codice di autoregolamentazione Polite, che è stato formulato agli inizi del 2000 e sottoscritto dall’AIE (Associazione Italiana editori) nell'ambito del progetto europeo Polite (Pari opportunità nei libri di testo). Il Codice delinea alcune linee guida per gli editori scolastici, affinché i libri di testo siano attenti al tema dell'identità di genere e liberi da pregiudizi sessisti.
Le medesime linee guida possono risultare estremamente funzionali alla creazione di libri per l’infanzia sensibili alla dimensione di genere.
Con questa seconda edizione s’intendono creare le condizioni affinché il Premio acquisisca una DIMENSIONE EUROPEA, allo scopo di far conoscere in altri paesi UE l’iniziativa di un Premio che possiede tutti i caratteri dell’innovatività, dell’originalità e del potenziale coinvolgimento di autori/autrici stranieri/e, nonché di case editrici e di enti a carattere educativo europei. Si fa presente la mancanza a tutt’oggi, a livello europeo, di premi di letteratura per l’infanzia aventi come focus centrale il tema dell’ identità di genere e del contrasto agli stereotipi.

Art.2 Linee guida

Fornire rappresentazioni equilibrate delle differenze, sia nella frequenza con la quale i due generi vengono rappresentati sia nel grado e nell'importanza delle attività svolte;
promuovere la formazione a una cultura della differenza di genere: le donne devono essere visibili in una molteplicità di ruoli – non solo nell’ambito privato, ma anche in quello sociale/lavorativo – perché occorre offrire modelli di identificazione positivi alle ragazze;
ripensare il linguaggio, evitando l’uso di stereotipi sessisti, smascherando il presunto carattere neutro dell'informazione.

Art.3 Partecipanti ammessi

Il concorso è rivolto a tutti/e i/le maggiori di 18 anni i/le quali potranno concorrere nell’unica categoria prevista: Premio letterario Un Premio per l’Europa. Narrare la parità per autori/autrici di libri per l’infanzia, previa regolare iscrizione nei termini previsti.

Art.4 Modalità di partecipazione

I testi presentati dovranno essere completamente inediti e scritti in lingua italiana. Gli elaborati dovranno essere inviati dal 18/2/2015 al 10/4/2015, termine ultimo per l’invio delle opere, sia nel formato cartaceo (tramite copia del testo originale) che in versione digitale, pena l’esclusione dal concorso. Faranno fede il timbro postale e la data di registrazione del file.
L’iscrizione al Premio è gratuita.
I testi in formato cartaceo dovranno essere inviati al seguente indirizzo: Associazione Woman to be Un Premio per l’Europa. Narrare la parità - Via delle Bocchette angolo Via dei Fabbri – 55041 Camaiore (LU).
I testi in versione digitale dovranno essere inviati in formato pdf al seguente indirizzo di posta elettronica: womantobe@gmail.com

Art.5 Contenuti degli elaborati

I testi presentati dovranno appartenere al genere narrativo, ed essere rivolti ad un target d’età compreso nella fascia d’età 0-6 anni. La tematica oggetto degli elaborati dovrà essere coerente con le linee guida del premio (vedi art. 1).
La lunghezza dei testi dovrà essere compresa tra le 1.500 e le 3.000 battute spazi inclusi.
Requisito fondamentale per l’ammissione è il rispetto di tutte le modalità di partecipazione esplicitate nel Bando, nonché il rispetto della legge italiana e delle leggi europee. I testi non dovranno in alcun modo presentare caratteristiche di oscenità/razzismo e/o violenza.

Art.6 Presentazione degli elaborati
Le opere spedite dovranno essere accompagnate da una SCHEDA PARTECIPANTE, con l’indicazione del nome e cognome, data di nascita, indirizzo, recapito telefonico dell’autore/trice e titolo con il quale l’opera si presenta al concorso.
Le copie del testo non verranno restituite.

Art.7 Selezione dei lavori pervenuti

La Giuria del Premio esaminerà tutte le opere pervenute entro e non oltre la data di scadenza per l’invio (10/4/2015), allo scopo di individuare in prima selezione cinque opere considerate degne di nota e dunque identificate come opere finaliste.
Ogni giurato/a valuterà i cinque elaborati finalisti e assegnerà ad ognuno un punteggio di merito complessivo con valori compresi tra 0 e 5, dove 5 esprime il massimo giudizio.
La somma dei punteggi di merito espressi dai singoli giurati rappresenterà il voto finale di ogni singolo elaborato.
La classifica degli elaborati partecipanti sarà stilata sulla base del voto finale. In caso di valutazioni paritetiche, il vincitore/la vincitrice sarà decretato/a in base al giudizio del Presidente della Giuria.
La Giuria sarà presieduta dalla Presidente dell’associazione Woman to be e da esperti provenienti dal mondo della pedagogia, della ricerca universitaria, dell’editoria. Il giudizio della Giuria è insindacabile e inappellabile.

Art.8 Premiazione

La cerimonia di Premiazione avverrà nel mese di Settembre 2015, all’interno di un evento realizzato presso una sede significativa, di cui sarà data ampia pubblicità e tempestiva comunicazione ai finalisti.
L’opera prima classificata verrà pubblicata da Giralangolo, marchio editoriale della casa editrice EDT srl, nella collana Sottosopra come libro illustrato. La scelta dell’illustratore/dell’illustratrice sarà di esclusiva pertinenza dell’Editore. Si fa presente, inoltre, che allo scopo di promuovere e far conoscere l’opera vincitrice e il relativo autore/trice in ambiti allargati di respiro europeo, anche successivamente alla premiazione, sarà data ampia diffusione della notizia presso quei soggetti europei legati al settore della letteratura per l’infanzia (case editrici, riviste, Associazioni di promozione alla lettura di paesi europei, Associazioni di insegnanti europei, biblioteche e librerie specializzate per ragazzi, giornalisti/e, Enti, Associazioni e professionisti del settore, ecc.) affinché il Premio possa diventare a tutti gli effetti un Premio EUROPEO.
Tutti gli autori/trici finalisti saranno comunque invitati a partecipare alle successive iniziative programmate.
Art.9 Pubblicazione

I rapporti tra autore/trice vincitore/trice e casa editrice saranno regolamentati da specifici accordi contrattuali tra le parti ed escludono l’associazione Woman to be da ogni responsabilità.

Art.10 Condizioni Generali

La partecipazione al concorso implica l’accettazione di tutte le norme contenute nel presente regolamento.
Tutte le operazioni avverranno secondo la normativa vigente. I finalisti/le finaliste saranno avvisati dall’Associazione organizzatrice a mezzo lettera raccomandata o messaggio di posta elettronica con avviso di ricevimento.
La partecipazione al presente concorso implica l’accettazione incondizionata del verdetto della Giuria che dovrà essere considerato dai partecipanti inappellabile e insindacabile.

Art.11 Termini legali

Chi concorre al premio autorizza sin da ora l'utilizzo della propria immagine (fotografie, filmati etc.) per la pubblicazione, la pubblicizzazione e l'uso anche ai fini pubblicitari promozionali del concorso, degli eventuali momenti celebrativi dello stesso nonché dei suoi risultati, senza che per questo sia dovuto alcun compenso o rimborso da parte dell’associazione Woman to be.
Con la partecipazione al presente bando di concorso si autorizza l’associazione Woman to be al trattamento dei dati personali ai sensi delle norme vigenti.
L’associazione pur assicurando la massima cura nella custodia delle opere, declina ogni responsabilità circa furti, smarrimenti o danni di qualsiasi genere che potessero verificarsi prima, durante e dopo la manifestazione.
Il presente regolamento resterà a disposizione di chiunque ne faccia richiesta presso l’associazione Woman to be - Via delle Bocchette ecc. e potrà essere scaricato dal sito http:// woman-to-be.blogspot.com


Associazione Woman to be 
Via delle Bocchette ang. Via dei Fabbri 55041 Capezzano Pianore - Camaiore (Lu) 
Telefono: 333 29.45.995 (da lunedì al venerdì ore 15.00 - 19.00) Fax: 0584 42.61.96 
E-mail: womantobe@gmail.com Blog: woman-to-be.blogspot.com

Inspired Digital Publishing

Salve Scribacchini, oggi abbiamo con noi un ospite speciale, Luigi di Mieri, della Inspired Digital Publishing, casa editrice digitale che non chiede alcun contributo agli autori.
Conosciamolo insieme.



Ciao Luigi, partiamo dal nome, perché Inspired Digital Publishing?


Ciao Valentina. Il nome Inspired nasce dall’idea che ha portato alla creazione della nostra società ovvero l’ispirazione nel voler provare a fare qualche cosa di diverso che ci permetta di esprimere le nostre capacità ed il nostro punto di vista. Digital Publishing è una connotazione che abbiamo aggiunto per far capire, che quello di cui ci occupiamo, riguarda i contenuti e le pubblicazioni digitali.

La tua non è una tradizionale casa editrice vuoi spiegarci di cosa vi occupate?




Inspired Digital Publishing nasce come software house che sviluppa contenuti digitali per tablet e smartphone quali app, e-book, libri digitali, giochi 2d, siti web ed offre i suoi servizi ad aziende, editori e privati.
Il ramo casa editrice è nata nel corso dell’ultimo anno dopo vari confronti che abbiamo avuto con autori ed editori sul tema dell’editoria digitale in Italia. È stata una normale evoluzione dei servizi editoriali che già stavamo offrendo riorganizzandoli in una proposta mirata sulle necessità richieste a gran voce dagli autori.





Perché avete deciso di investire sugli e-book?

Il mondo degli e-book, che si è sviluppato soprattutto negli ultimi anni grazie alla diffusione sempre crescente di strumenti come smartphone, e-reader e tablet, ha ampliato il concetto di libro.
Ora possiamo avere i nostri libri sempre con noi, consultarli in qualsiasi momento e luogo, a prezzi più vantaggiosi e con la possibilità di approfondimenti e contenuti multimediali sempre crescenti (Enhanced e-book).
Tutti questi motivi e la costante crescita del settore hanno sicuramente influenzato la nostra decisione di investire nell’editoria digitale.



Cosa ne pensi dell'eterna diatriba libri cartacei/e-book?

Siamo in un periodo di transizione. I libri cartacei per vari motivi hanno avuto un calo e faticano a stare al passo con i tempi e con le esigenze e necessità di tutti. Gli e-book sono nati proprio nel tentativo di colmare queste richieste 
e, nonostante la loro giovane età, stanno riuscendo nel loro obiettivo.
Alla base credo che avere una scelta sia il sistema migliore per venire incontro alle esigenze di tutti ma è impossibile non constatare come gli e-book, soprattutto in alcuni stati, stiano rivoluzionando il concetto di editoria.


Cosa deve avere un libro per essere pubblicato dalla tua casa editrice?

Uno dei fattori principali di scelta è il coinvolgimento che si crea fra il lettore e la storia che deve alimentare lo stimolo e l’interesse del primo sino all’epilogo. La qualità dei testi e le idee originali ed intriganti sono gli altri fattori su cui operiamo le nostre scelte.

Come può uno scrittore esordiente sottoporre un manoscritto alla tua casa editrice?

È semplicissimo. Basta inviarci una mail all’indirizzo info@inspireddp.net allegando i primi due capitoli del manoscritto, una presentazione sull’autore ed una sinossi dell’opera.
Tutte queste informazioni possono essere trovate anche all’apposita pagina “Pubblica con noi” che abbiamo allestito sul nostro sito www.inspireddp.net

Che consiglio daresti a uno scrittore esordiente?

Armarsi di molta pazienza. Non arrendersi davanti alle prime difficoltà e di accettare sempre con maturità le critiche che vengono fatte. Rileggere più volte il manoscritto ponendo particolare attenzione alla grammatica ed alla scorrevolezza del testo. Una storia può anche essere geniale ma se è scritta male o risulta incomprensibile otterrà comunque un riscontro negativo.

Quali sono i vostri progetti futuri?

Dal punto di vista editoriale abbiamo in programma di far uscire altri libri durante il corso dell’anno. A fine gennaio abbiamo pubblicato il thriller isteria.com scritto da Sergio L. Duma che riesce, con la sua opera, a coinvolgere molto il lettore grazie anche al particolare stile usato per personalizzare ogni personaggio.Il prossimo, in lista, è il primo tomo di una trilogia di fantascienza di uno scrittore inedito molto promettente.
Ci piacerebbe anche allargare la nostra collaborazione con le case editrici soprattutto per lo sviluppo di testi di studio, libri illustrati e fiabe per bambini.
Durante il corso dell’anno uscirà anche uno stupendo gioco 2d per le piattaforme Apple sviluppato da noi su commissione di un gruppo di clienti che sicuramente saprà stimolarvi grazie ai suoi enigmi intricati.

"Ci vediamo su FB" Lavinia Brilli

Salve Scribacchini, come ben sapete ho una predilezione per i romanzi chick lit è quindi con gioia che ho accettato di recensire "Ci vediamo su FB" della scrittrice Lavinia Brilli, anche perché, come avrete intuito dal titolo, il suo romanzo è ambientato su Facebook, proprio come il mio "Amori & Pasticci su Facebook" ma andiamo alla recensione...

Ci vediamo su Fb
Lavinia Brilli
162 pag. 0,99 euro.
TRAMA:

Lisa ha superato da un po’ i quaranta e si sente in piena mezza età. Tra supermercato e parrocchia, tra un marito misantropo e un lavoro deprimente, la sua vita è spumeggiante come una coca sgasata. Eppure guardandosi intorno vede gli altri quarantenni in pieno fervore, a caccia di divertimento come adolescenti in ritardo di qualche decennio.
Mentre lei occupa il suo tempo preparando la merenda agli amici dei figli, le sue uniche due amiche passano da un pub a una discoteca, pubblicando immancabilmente i selfie su Facebook per dimostrare ad amici e conoscenti quanto si divertano. E Lisa è proprio tra quelli che si collegano a Facebook per guardare la vita degli altri dal buco della serratura, senza mai pubblicare niente (chi vorrebbe guardare le foto di una consulta scolastica o di una serata davanti alla tv?)
L’annuncio della visita di sua cugina Diana, regina delle serate milanesi e desiderosa di conoscere la vita notturna della provincia, getta Lisa nella disperazione e la costringe a cercare un modo per allargare il suo giro di amicizie.
Dopo aver tentato di tutto, Lisa ha un’illuminazione e architetta un piano per rendere la sua vita più interessante proprio con l’aiuto di Facebook, ma imbranata com'è le sarà difficile evitare figuracce e camminare in equilibrio sul filo delle bugie.
E adesso anche il rischio di perdere il marito è dietro l’angolo…



RECENSIONE:

"Diana, mia cugina Diana che vedo solo una volta l’anno quando vado a Milano a fare spese, tornando regolarmente a mani vuote perché i negozi dove mi porta mi mettono in soggezione, vuole venire a divertirsi qui dove il massimo della vita è la spesa fai-da-te al supermercato, con tanto di lettore ottico e brivido di suspense per il controllo a campione. Forse ho un po’ calcato la mano nelle mie ultime e-mail. Devo aver accennato a qualche festa o gita o cena, tanto per non sfigurare con lei che racconta di essere sempre in giro con gente che finisce su Diva e Donna tutte le settimane.
Ma adesso come me la cavo?

L'arrivo della cugina Diana mette in crisi Lisa, come non sfigurare davanti alla parente abituata a feste e bagordi? Potrebbe sempre crearsi una vita sociale in tre mesi ma è veramente possibile? Con Facebook certamente sì.
Peccato che il profilo Facebook di Lisa sia pieno solo di frasi insulse sulla vita e foto di gatti, chi la vorrebbe mai come amica virtuale?
Ecco quindi che le viene un'idea geniale: Dovrei farmi un po' di pubblicità, devo far vedere che sono piena di amici e che mi diverto! E allora sì che tutti vorranno uscire con me [...] sì lo so, non ho feste a tema da fotografare né amici da taggare, ma gli amici si possono sempre inventare! Potrei creare un gruppo di amici su Facebook, e farmi un sacco di pubblicità! Chi lo scoprirebbe? Potrei inventare di tutto".
Dà così il via alla sua idea, crea una serie di profili su Facebook di amici immaginari e diffonde immagini di feste pazzesche trovate in rete e, incredibile a dirsi, la sua idea funziona!
Inizia anche lei a essere invitata alle feste, ma saranno davvero così divertenti come sembrano?
Lavinia Brilli è riuscita a dar vita ad una storia fresca e spumeggiante che tratta una tematica assolutamente attuale, lo stile è scorrevole, tanto che il libro si legge piacevolmente in un paio di ore.  
Il finale fa sorridere e riflettere su quali siano le cose importanti della vita.
Con questo romanzo l'autrice dimostra, a chi ancora lo ignora, che anche con una storia leggera si può trasmettere un messaggio importante.
Uniche pecche sono la presenza di alcuni refusi e la È con apostrofo anziché con l'accento, nonostante questo però i miei complimenti vanno all'autrice per questa storia semplice eppure efficace, sicuramente consigliata.