I classici in versione soft porno

Che il vendere libri sia diventato puro marketing è cosa ormai nota, ma penso che ormai si stia rasentando il ridicolo.
Da quando gli editori si sono accorti che bastava inserire semplicemente l'elemento sesso per incrementare le vendite si sono moltiplicate le brutte copie di un libro già brutto di per sè, si sto parlando di "Cinquanta sfumature ecc..." (qui trovate una divertente recensione)
C'è però un problema: non ci possono vendere solo libri che parlano di sesso, ci sono tutti quei classici noiosissimi, libri veri, certo, ma chi mai li vorrà leggere?
La Young Giunti ha finalmente risolto il problema.
Come far leggere ai ragazzi i classici? Semplice, usando immagini soft porno per le loro copertine!
Chissà come mai non gli è venuto in mente prima! Sapete quanti guadagni!
Eh sì, perché le ragazze leggono più dei loro coetanei maschi, e come è noto il libro lo comprano solo se c'è un figo mezzo nudo in copertina.
La Y Giunti presenta questa fantastica iniziativa così: "La nostra grafica ha realizzato delle copertine a dir poco strepitose, con dei bellissimi personaggi maschili."
Ma esaminiamo meglio la copertina incriminata.

"Cuore di tenebra" di Joseph Conrad 

Il romanzo racconta il viaggio di Marlow, capitano di un battello destinato al commercio nell’Africa Nera. Tra apparizioni inquietanti ed echi della violenza coloniale, ricorre sempre più spesso un nome, quello di Kurtz, commerciante di avorio, uomo dalla personalità enigmatica e inquietante. Romanzo che narra un difficile percorso di ricerca, da cui il protagonista fa ritorno più saggio ma non necessariamente più felice, Cuore di tenebra resta un modello formidabile per descrivere il moderno senso di desolazione, orrore e sofferenza.


Questa è la copertina scelta dalla Casa Editrice Mattioli 1885:



Questa è invece la copertina attira-ragazze scelta da Young Giunti che sul sito si preoccupa di dare informazioni non sull'autore (d'altronde chissene frega se i giovani non sanno chi diavolo sia Conrad) ma sull'attore della copertina, perché diciamocelo in fondo è questo che interessa realmente (per chi fosse interessato questo è il sito del Conrad Center)


Per concludere vorrei dare uno spassionato consiglio a tutti quegli editori che usano questi tristi espedienti: guardate che noi lettori non siamo deficienti e che grazie a dio non scegliamo i libri in base al numero di uomini mezzi nudi che ci sono in copertina, la prossima volta fatevi furbi, io libri con queste copertina in casa mia non li vorrei nemmeno per metterli sotto la scrivania traballante.
Poveri scrittori, si staranno rivoltando nella tomba.


EDIT: Sembra che la copertina in questione sia stata rimossa dal sito della Y Giunti, forse si sono accorti che sarebbe stata una pessima scelta editoriale? Me lo auguro di cuore.


EDIT 2: In compenso la Giunti ha pubblicato "Versi d'amore" ve lo ricordavate così Catullo?




EDIT 3: Fatemi citare un'ultima idea "geniale" questa volta il grafico è della casa editrice Dalai, il libro in questione è "Le relazioni pericolose" e cosa ci sarà mai in copertina? Semplice un test di gravidanza!




0 commenti:

Posta un commento

Verranno pubblicati solo i commenti firmati. I commenti anonimi verranno cestinati. Grazie per la collaborazione.