Strega: vincitori e polemiche



Salve Scribacchini, quest'anno il prestigioso premio Strega è andato ad Alessandro Piperno, con l'opera “Inseparabili, il fuoco dei ricordi” con 126 voti.
Casa Editrice: Mondadori.
Eh sì, perchè, come tutti sanno, la casa editrice non è importante ma fondamentale.
SulFatto Quotidiano gli scrittori Trevi e Carofiglio lamentavano proprio una forte ingerenza da parte degli editori per decidere chi debba vincere, e non sarebbe la prima volta che emergono denunce di questo tipo.
Molti di voi penseranno: hanno scoperto l'acqua calda, sono cose che si sanno.
Davvero? Non ne sono sicurissima, basti pensare a quanti comprano un libro solo perché ha una fascetta che dice “Vincitore del Tal Premio” che poi il libro in questione rimanga su uno scaffale a raccogliere la polvere è un'altra questione.
Dal 1947 ad oggi ecco le case editrici che hanno vinto:

Mondadori ha vinto 23 volte
Einaudi 11 (fa parte del gruppo Mondadori)
Bompiani: 9 (fa parte del gruppo Rcs)
Rizzoli 9 (fa parte del gruppo Rcs)
Feltrinelli 4
Garzanti 4 (fa parte del gruppo Gems)
Longanesi: 2 (fa parte del gruppo Gems)
Rusconi 1
Valecchi 1
Meridiana 1

Nessun piccolo o medio editore, solo grandi gruppi editoriali.
È infatti cosa nota che questo premio si sia trasformato in un concorso più per case editrici anziché per scrittori.
L'anno scorso ha vinto Bompiani, gruppo Rcs, quest'anno Mondadori.
Cosa possono fare i lettori, sempre più infastiditi da ciò?
Semplice, non affidarsi alle logiche del mercato ma al proprio gusto personale.
Non comprate un libro solo perché ha vinto un premio o perché tutti ne parlano, compratelo se vi interessa la trama, se vi piace lo stile e chissà che prima o poi qualcosa finalmente cambi.


0 commenti:

Posta un commento

Verranno pubblicati solo i commenti firmati. I commenti anonimi verranno cestinati. Grazie per la collaborazione.