Maria Teresa Vivino


Salve Scribacchini, vi presento oggi la scrittrice e poetessa Maria Teresa Vivino...

Il risveglio, storie di persone e sogni
Guida al benessere edizioni
52 pagine, 11 euro
TRAMA:


Dal mistero della malga illuminata al risveglio di Adriana e l’avverarsi di un sogno... Storia di animali e persone e di come il puro ma totale Amore di una bimba di circa 8 anni, per gli animali e per la sorella maggiore, potrà far accadere un miracolo... Storia di sogni e di come, a volte, la realtà può essere un sogno e di come un sogno può aiutare la realtà... Storia di persone semplici, a volte un po’ rudi per la dura vita che conducono ma ancora saldamente legati ai valori veri della vita… Storia di Risveglio e di come una circostanza sfortunata, potrà aiutare le persone a crescere, a riconnettersi all’essenza della Vita, a valorizzare i legami veri e profondi… Storia di grande unione e umanità.

Ciao Maria Teresa, parlaci un po' di te, com'è nata la tua passione per la scrittura?

Sono una ragazza di 22 anni vivo a Bardonecchia, amo le montagne che mi circondano, la natura e porto nel cuore il mare, essendo di origini calabresi e avendo un amore innato per la Sicilia. Scrivo da quando avevo 15 anni, ma se vado indietro nel tempo mi accorgo di aver sempre scritto! Da bambina, su un diario segreto profumato, mi divertivo ad apporre delle figurine di ogni genere e sorta, inventandomi storie. Il tirannosauro così diveniva compagno di una scimmia, o l’amico di compagnìa di Cenerentola! Ho sempre avuto una predisposizione ad una spiccata fantasia, spesso ho coinvolto nelle mie “storie” i miei coinquilini. La signora del piano di sopra era obbligata a tenere la mia bambola/figlia, perché io sostenevo di dover andare a lavoro in un ristorante, dato che mio marito era morto ed ero povera… Così scendevo a casa e coinvolgevo nella mia sceneggiata anche mia mamma e le sue amiche che malauguratamente si trovavano nei paraggi. Crescendo ho iniziato ad innamorarmi e questo è stato il primo spunto che mi ha permesso di scrivere il mio primo romanzo breve “Nel cuore dell’Africa” edito da Montedit. In ordine cronologico è però uscita per prima la mia raccolta di poesie dal titolo banale ma chiarificatore “Poesie dal cuore…”! “Volo sulle note dell’anima” edito da Montedit è la raccolta scritta a quattro mani con l’autore ligure Roberto Gennaro, un connubio di emozioni che con il distinguo della poetica maschile e femminile, ci hanno permesso di fare un viaggio importante di conoscenza. Ho scritto sempre e quasi tutti i giorni della mia vita, ho cercato di scrivere sempre e di tutto per non dimenticare nulla della mia esistenza, le persone, i luoghi, le gioie e i dolori. Fino al giorno in cui è venuto alla luce “Il Risveglio Storia di animali, persone e sogni”, un’opera concepita a quattro mani con l’autore Lodovico Marchisio! Spero che il viaggio nel mondo della scrittura non termini qui, ma che vogliate continuare con me Il Risveglio…


Di che cosa parla la tua ultima opera "Il risveglio - Storia di animali, persone e sogni"?

Il Risveglio-Storia di animali, persone e sogni è un racconto scritto a quattro mani dalla poetessa bardonecchiese Maria Teresa Vivino, autrice della raccolta di poesie Volo sulle note dell’anima(edizioni Montedit), Poesie dal cuore… (tipografia Melli) e il romanzo breve Nel cuore dell’Africa(edizioni Montedit), e l’alpinista Lodovico Marchisio che ha all’attivo 24 libri tra cui itinerari di montagna, raccolte di poesie e autobiografie. Il Risveglio si apre alla vigilia di Natale; un avvenimento misterioso in un paesino dell’Alta Val Susa attira la curiosità di bambini e adulti all’uscita della messa di mezzanotte. La malga illuminata si copre di un alone di suspense che all’ultimo si snoderà in maniera inaspettata. Un racconto che sviscera l’amore per gli animali, le persone e la forza che i sogni e solo essi possono imprimere nella vita, quella forza che può aprire il cuore di tutti. Il montanaro come messaggero di una cultura di paese e di una vita fatta di fatica fisica e da una durezza strutturale, e la Bassa Valle come apertura alla città con le diverse sfaccettature caratteriali. Tutto questo è Il Risveglio.

È stato difficile scriverla a quattro mani?

La difficoltà iniziale è stata comprendere dove volesse andare a parare il mio coautore, i primi capitoli li ha scritti lui, io ho avuto l’onere e l’onore di dover continuare. Trovata l’illuminazione per continuare “sulla falsa riga” la storia, il secondo scoglio è stato quello della conclusione, il finale per me doveva essere a sorpresa e soprattutto totalmente discostato dalla storia anche se in coerenza con essa. Dopo aver finito tutto mi sono chiesta cosa penserà Lodovico di quello che ho scritto?!Per fortuna è andata bene, e ci siamo trovati in sintonia pur avendo pensato a “due storie” inizialmente differenti.

Scrivi sia in poesia che in prosa, qual è la forma d'arte che ami di più?

Le amo entrambe, anche se la poesia è parte integrante di me, ma credo che entrambe in maniera diversa abbiano un valore comunicativo; la poesia è espressione pura di sentimento e sensazione, la prosa è descrizione pura di situazioni e il coinvolgimento da parte del lettore è dato dal costrutto e dall’intreccio più che all’emozione legata alla singola parola.

E quale delle due trovi più difficile da scrivere?

In primis distinguerei tra la prosa breve e la prosa lunga tra le due trovo più complicata perché riassuntiva la prima. Tra prosa e poesia… beh per una persona prettamente razionale è più difficile scrivere in versi altrimenti in prosa. Per me un pensiero viene più spontaneo in versi, “il risveglio” stesso pur essendo una prosa chi l’ha letto dice che è molto poetico come testo.

Hai pubblicato anche altri due libri in passato, "Poesie dal cuore" e "Nel cuore dell'Africa" in quale delle tue opere ti immedesimi di più?

In realtà ne ho pubblicati 3, la prima raccolta di Poesie dal cuore, il romanzo breve Nel cuore dell’Africa e la raccolta di poesia scritta a quattro mani con l’autore ligure Roberto Gennaro “Volo sulle note dell’anima”… mi immedesimo in egual modo con Il risveglio e Volo sulle note dell’anima perché rispecchiano ancora attualmente i miei pensieri e le mie emozioni. Ma senza dubbio la raccolta in cui mi immedesimo di più è quella che uscirà questa estate è un “riassunto” di Maria Teresa!

Oltre che scrittrice sei anche attiva per la diffusione della cultura...
Quali sono i tuoi progetti futuri?

Idealmente ho tanti progetti… spero nell’immediato di riuscire ad ampliare le attività del circolo culturale che gestisco e di portare a termine la prima edizione del concorso letterario “Dino Ariasetto” nella maniera migliore possibile!Di riuscire a far conoscere Il risveglio e la mia raccolta di poesia che uscirà questa estate in tutta Italia e di lanciare la seconda edizione del concorso letterario con nuove iniziative. Il mio sogno più grande sarebbe istituire a Bardonecchia il secondo paese della poesia in Italia, il primo è nato in Sicilia!



0 commenti:

Posta un commento

Verranno pubblicati solo i commenti firmati. I commenti anonimi verranno cestinati. Grazie per la collaborazione.